Sabato 13 Aprile 2013 09:33
Valuta questo articolo
(0 voti)

Red Bull X-Fighters - Dubai: Torres vince all’ombra dell’edificio più alto del mondo

Red_Bull_X-Fighters_Dubai_New_-_CopiaLo spagnolo Dany Torres ha agguantato la vittoria nella battaglia dei campioni che ha animato la gara di venerdì del Red Bull X-Fighters World Tour, svoltasi a Dubai. Il vincitore del World Tour 2011 ha battuto sul filo di lana il neozelandese campione uscente Levi Sherwood con un punteggio di 3 a 2 sul difficile tracciato costruito all’ombra dei 828 metri del Burj Khalifa, l’edificio più alto del mondo. Il francese Thomas Pages ha vinto lo Swatch Best Move Award grazie al “Volt”, un trick dove il pilota gira a mezz’aria lontano dal sellino e che ha mandato in visibilio i 13000 spettatori. È stato un evento emozionante quello tenutosi sul Mohammed bin Rashid Boulevard, nel centro di Dubai, sotto il patronato di Sua Altezza lo sceicco Hamdan bin Mohammed bin Rashid Al Maktoum, principe ereditario di Dubai e Presidente del Dubai Sports Council.

 

Torres ha mostrato tutta la sua maestria nel motocross freestyle durante i tre round grazie hai suoi salti puliti e precisi, alti 15 metri e lunghi 30. È stata la prima vittoria per lo spagnolo nel più importante torneo dell’FMX dal 2011, ma questo non lo ha spinto a considerarsi il favorito per il titolo iridato, soprattutto dopo la schiacciante vittoria di Pages nell’evento di apertura. “Quest’anno il livello tra i top rider è molto equilibrato” ha dichiarato. “Se fai anche solo uno sbaglio, sei fuori. È difficile pronosticare chi sarà il vincitore finale” ha aggiunto Torres, dopo una brillante prestazione in finale contro Sherwood. Il campione iberico, vincitore a Dubai anche nel 2011, era stato sconfitto da Pages nella finale dell’apertura di Città del Messico lo scorso mese, ma questa volta è riuscito ad avere la meglio, eliminando il francese nella spettacolare semifinale.

 

Pages, che ha dominato le qualifiche, ha sfoderato tutto il suo miglior repertorio, eseguendo il “Volt”, lo “Special Flip” dove il pilota esegue un back flip al di fuori della sella mentre la moto è a mezz’aria, e il giro di 540 gradi conosciuto come “Flair”. Pages si è guadagnato gli applausi del pubblico eseguendo tre dei più difficili trick mai concepiti, ma il pessimo atterraggio del suo ultimo salto è stato punito duramente dai giudici. “Sono uscito solo per quello” ha riconosciuto Pages “Ho spinto parecchio, forse troppo e sono caduto. Sono deluso.”. Tra gli spettatori c’era anche Fabio Cannavaro, capitano dell’Italia Campione del Mondo 2006.

 

La prossima gara sarà l’11 maggio a Glen Helen (USA).

 

Risultati: 1. Dany Torres (ESP), 2. Levi Sherwood (NZL), 3. Thomas Pages (FRA), 4. Rob Adelberg (AUS), 5. David Rinaldo (FRA), 6. Libor Podmol (CZE), 7. Mat Rebeaud (SUI), 8. Maikel Melero (ESP), 9. Josh Sheehan (AUS), 10. Daisuke Suzuki (JPN)

 

Classifica: 1. Torres 180 punti, 2. Pages 165, 3. Sherwood 145, 4. Adelberg 110, 5. Josh Sheehan (AUS) 65, 6. Melero 60, 7. Rinaldo 45, 8. Todd Potter (USA) 40, 9. Podmol 35. 10. Rebeaud, 30.

 

 

Altre Informazioni

  • Fonte Foto: Red Bull

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Vai Su