Domenica 16 Giugno 2013 11:52
Valuta questo articolo
(0 voti)

Moto2 - Gp Barcellona: Trionfo Espargarò davanti a Rabat. Redding quarto

Espargaro_action_JerezIL MONTMELO’ E’ MIO. Pol Espargarò (Tuenti HP 40) vince il Gp della Catalunya della Moto2 nel circuito del Montmelò (Barcellona). Polyccio ha avuto la meglio sul compagno di squadra Esteve Rabat, 2°, in un duello che però di certo non passerà alla storia del motociclismo; dopo essere passati in testa i due hanno deciso di non ostacolarsi troppo, cercando così di capitalizzare importanti punti in un mondiale fino ad ora dominato da Scott Redding (Marc VDS Racing Team). Prova opaca per il pilota inglese che porta a casa un 4° posto dietro un rinvigorito Thomas Luthi (Interwetten Paddock Moto2 Racing) che riprova la gioia del podio con il gradino più basso.

 

Quinto posto per Takaaki Nakagami (Italtrans Racing Team) davanti a Randy Krummenacher (Technomag CarXpert), sesto, e a Johann Zarco (Came Iodaracing Poject), settimo. Chiudono la top ten Dominique Aegerter (Technomag CarXpert) 8°, Mika Kallio (Marc VDS Racing Team) 9° e Simone Corsi (NGM Mobile Racing) 10°. Undicesimo Mattia Pasini (NGM Mobile Racing).

 

Caduta per De Angelis (NGM Mobile Forward Racing) e Toni Elias (Blusens Avintia).

LA GARA. Poche emozioni al Montmelò. Al via Espargarò parte benissimo, mentre Redding viene risucchiato nelle retrovie. Rabat si lancia all’inseguimento di Polyccio seguito da un coraggioso Nakagami. Il pilota giapponese però non è in grado, poche tornate dopo, di tenere dietro di se Redding e un ritrovato Luthi.

 

L’unico che sembra potere impensierire il dominio del Team Tuenti , è Redding, ma questa volta il pilota inglese, leader del mondiale, non riesce a tirare il coniglio fuori dal cilindro dato che Polyccio e Rabat sono imprendibili. Come se poi non bastasse Scott deve chinare poi il capo di fonte a un Luthi che non vede l’ora di andare sul podio. Da sottolineare la prestazione di un grande Zarcò, che cerca d’insidiare NakagamiKrummenacher per il 5° posto.

 

Il resto della gara non è altro che un duello tutt’altro che irresistibile tra i due compagni di squadra. A pochi giri dal termine Rabat passa Polyccio, ma il vice campione del mondo desidera troppo la vittoria nel circuito di casa (abita proprio li vicino) e senza troppi problemi impone la sua legge al suo non troppo battagliero collega.

Altre Informazioni

  • Fonte Foto: hondaproimages.com

Articoli correlati

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Vai Su